Le proteine

Le proteine sono una fonte di nutrimenti energetici, 1 grammo di proteine fornisce all’organismo 4 kilocalorie. Non rappresentano tuttavia la nostra prima risorsa energetica in quanto vengono utilizzate principalmente per la costruzione ed il buon funzionamento di tutto il nostro corpo.

Possiamo paragonarle ad una collana di perle: una catena di piccole molecole chiamate amminoacidi, importantissimi per il funzionamento delle cellule, alcuni dei quali sono indispensabili perché non prodotti in quantità sufficiente dal nostro organismo, ecco allora l’importanza dell’alimentazione che ci permettere di integrare i nutrimenti di cui abbiamo bisogno.

Le proteine hanno un ruolo molto importante per il funzionamento del nostro organismo, in particolare assicurano la contrazione dei muscoli, tessuti nei quali sono presenti in abbondanza. Partecipano inoltre alla formazione di enzimi e ormoni.

Nonostante i muscoli siano costituiti per il 75% da proteine, non costituiscono una riserva per l’organismo, salvo quando il nostro apporto alimentare di proteine diminuisce, a seguito di diete ferree, digiuni oppure di un’alimentazione non equilibrata. In questo caso, il nostro organismo le reperisce direttamente dai muscoli provocando però una perdita di massa muscolare.

Il latte è una fonte di proteine di buona qualità. Un litro ne contiene in media 32 grammi che forniscono una buona quantità di amminoacidi. Anche in altri alimenti sono presenti le proteine: alimenti di origine animale (carne, pesce e uova), di origine vegetale (legumi) e cereali. Le proteine animali sono considerate migliori rispetto a quelle vegetali grazie al loro profilo più vicino ai bisogni dell’uomo e al loro apporto maggiore di amminoacidi essenziali. Tuttavia in una dieta equilibrata sono entrambe complementari.

Oltre al loro ruolo fondamentale nella costruzione delle cellule, le proteine del latte hanno effetti benefici in altre funzioni dell’organismo. Alcuni studi hanno dimostrato che facilitano l’assimilazione del calcio.

 

Allergie alle proteine del latte di mucca

Questa forma di allergia, piuttosto rara, corrisponde ad una reazione eccessiva di difesa contro queste proteine. In caso di sospetto di allergia, è bene rivolgersi ad un medico allergologo al fine di ottenere una diagnosi specialistica. Se l’allergia fosse diagnosticata, bisognerà assolutamente evitare l’assunzione dei prodotti contenenti le proteine del latte di mucca. Per essere certi che un prodotto non le contenga, sarà sufficiente leggere la lista degli ingredienti posta sull’etichetta del prodotto. In commercio esistono delle tipologie di latte adatte a questo tipo di esigenza.

Attenzione però a non confondere questa allergia con l’intolleranza al latte (la spieghiamo più avanti) che si traduce con un’incapacità di digestione e non con una reazione immunitaria.

L’informazione in +

Nel latte troviamo ben due categorie di proteine: le caseine e le proteine del siero del latte. Le caseine hanno un ruolo importante nella preparazione di yogurt e formaggio. Infatti, aggiungendo dei batteri lattici al latte se ne aumenta l’acidità con la conseguente coagulazione delle caseine e la formazione del caglio. Ed è proprio con il caglio che si producono yogurt e formaggi.